Skip links

L’Associazione: tra slancio vitale e senso comunitario

“Intanto il tempo passava, io rimanevo chiusa in camera piena di male, perdevo anni di scuola, amicizie e felicità”. Di vissuti come questo, nei dieci anni di collaborazione con l’APE, ne ho raccolti molti. Vissuti di anni che scorrono nel dolore fisico ed emotivo; privi di risposte esaustive sul proprio malessere o con risposte che non r i sul te ranno e f f i c a c i e / o risolutive; molto spesso spesi in una crescente solitudine, con la difficoltà di essere creduta o di sentirsi veramente ascoltata e compresa, che porta fino a un senso di abbandono; e spesso anche caratterizzati dal ritiro e dalla perdita.